PoloEst | Home | Credits | Contattaci
Provincia di Venezia - Assessorato all'Informatizzazione
: Iniziativa :


Iniziativa - "Un'occasione di crescita culturale"

Oggi il web costituisce uno degli strumenti principali nel cammino di avvicinamento fra istituzioni e cittadinanza. L’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione per migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi pubblici, dalla seconda metà degli anni Novanta ha rappresentato un supporto importante per il miglioramento del rapporto fra Stato e cittadinanza. Il circuito virtuoso messo in atto con le politiche di e-government sta cominciando a dare i suoi frutti soprattutto per quanto riguarda la ristrutturazione dei processi organizzativi, ma anche perché può essere una strada utile ad accrescere la familiarità dei cittadini verso Pc e internet. La seconda fase del Piano Nazionale di e-government pone tra le cinque principali linee d’azione dei prossimi anni l’avvio di progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale, definiti di “e-democracy”.
L’e-democracy contraddistingue quei processi che prevedono l’uso di strategie e tecnologie dell’informazione e della comunicazione da parte degli attori democratici (amministratori, cittadini, associazioni, enti pubblici e privati) nell’ambito dei processi politici e di governo di comunità locali, nazionali e internazionali. L’e-democracy è il punto di arrivo del percorso che dalle azioni di e-government si propone di costruire una più ampia e-governance con l’obiettivo di migliorare la qualità della convivenza comune passando attraverso l’infittirsi dei rapporti tra i soggetti attivi sul territorio.
La mappa delle utenze e la fiducia crescente che gli italiani dimostrano verso l’applicazione degli strumenti tecnologici alla PA ha un andamento, nel complesso, incoraggiante che rinfranca rispetto agli ingenti investimenti previsti dal piano e-governement alla voce servizi on line e i molti risultati raggiunti sino ad oggi dalla telematica pubblica. Ma quanti degli internetnauti possono essere considerati cittadini digitali? Qual è il livello di conoscenza dei cittadini dell’offerta digitale della pubblica amministrazione? Quali sono i servizi di maggiore utilità per i cittadini? Chi trae vantaggio dalla digitalizzazione del rapporto con la PA e chi invece è escluso dal processo di modernizzazione in atto? Le nuove tecnologie, ed in particolare il personal computer e la telematica, costituiscono ovviamente una straordinaria risorsa per il sistema Paese ma, come in ogni rivoluzione, esiste il rischio che si determini una frattura sociale, che l’analfabetismo informatico si vada a sommare ai vecchi motivi di esclusione. Casalinghe, pensionati, persone con basso livello di reddito e scolarità, extracomunitari: le categorie da tutelare rispetto al rischio di produrre nuove forme di esclusione per vecchie categorie di esclusi, secondo i consueti argini territoriali. La questione del digital divide è tutt’altro che superata. E’ per tutte queste ragioni che la Settimana Web continua a rappresentrare per la Provincia di Venezia un appuntamento annuale importante. Per i corsi, gli incontri, le occasioni cui dà vita per sette giorni nel nostro territorio. Occasioni di crescita non solo tecnologica, ma anche culturale. Perché l’utilizzo delle nuove tecnologie della conoscenza e dell’informazione non è affare di pochi tecnici, ma di noi tutti nel loro rappresentare una straordinaria modalità di accesso e condivisione della conoscenza e dei saperi del mondo.

Amalia Lietta Smajato
Assessora all’Informatizzazione
Provincia di Venezia


Provincia di Venezia - Assessorato all'informatizzazione | Rete Telematica PoloEst | CODESS Cultura
Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 Valid CSS Valid HTML 4.01
Immagine Spaziatrice